Simona Muzzeddu

Italia


Simona Muzzeddu nasce nel 1976 a Gallarate dove vive e lavora ancora oggi. Insegnante di discipline Pittoriche, Figurative al Liceo Artistico. E’ molto forte nell’artista anche il legame al territorio e alla tradizione sarda, in particolare alla zona della Gallura e a Aggius, il luogo d’origine della sua famiglia. Paesaggi e simboli del patrimonio culturale sardo appaiono, infatti, in molti dei suoi progetti artistici come ad esempio in uno dei suoi lavori, Borderline- linea di confine. La sua f... [Continua a leggere]

Atelier di Simona Muzzeddu


Informazioni su Simona Muzzeddu


Simona Muzzeddu nasce nel 1976 a Gallarate dove vive e lavora ancora oggi. Insegnante di discipline Pittoriche, Figurative al Liceo Artistico. E’ molto forte nell’artista anche il legame al territorio e alla tradizione sarda, in particolare alla zona della Gallura e a Aggius, il luogo d’origine della sua famiglia. Paesaggi e simboli del patrimonio culturale sardo appaiono, infatti, in molti dei suoi progetti artistici come ad esempio in uno dei suoi lavori, Borderline- linea di confine. La sua formazione artistica inizia frequentando il Liceo Artistico “A. Frattini” di Varese e in seguito l’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, dove si laurea in Pittura a pieni voti. Si specializza nel settore della grafica conseguendo il diploma di Multimedia Art Director presso l’Acof di Busto Arsizio e svolge per due anni la funzione di “tutor” per il corso di Grafica d’Arte presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera, al fianco della Professoressa Luce Dhelove. Frequenta, contemporaneamente all’Accademia, un corso di “Fotografia e still life” alla Mohole Lab di Milano. Ha lavorato con diversi linguaggi dalla fotografia dove l’artista cattura l’immediatezza espressiva e allo stesso tempo mette in luce le relazioni tra l’uomo e l’ambiente. Sino ad arrivare attualmente ai new media, tecnologia avanzata, come i led programmabili con una chat studiata per l’opera facendo coinvolgere lo spettatore con l’opera stessa. Il lavoro di Simona Muzzeddu si può intendere come una continua ricerca espressiva nei suoi lavori analizza l’Uomo e le sue relazioni psico-sociali. Si tratta considerando il tutto con una diversa prospettiva di rendere omaggio alla vita e, nello stesso tempo, di cogliere, senza traumi, gli aspetti che la mortificano o la rendono disumana o quasi inaccettabile. “Il mio modo di elaborare tutte le emozioni nei miei progetti è viscerale. Sembra quasi assurdo, ma a volte penso che più una persona abbia sofferto in passato e più abbia da raccontare con l’arte. È una specie di bioritmo dove dopo la grande caduta si ha una grande risalita e nella risalita creo. I miei lavori sono rivolti al sociale: dall’indagine sul degrado ambientale della serie “Dolls Orphan” a quella sulle malattie fisiche e psicologiche di “Borderline la linea di confine” e “Borderline psychotic activity”, e tutte le tematiche sono in strettissima relazione con la mia vita. Direi che creare per me è necessità. La consapevolezza è nella mia decisione di affrontare delle tematiche “scomode”, in una società sempre più futile. La memoria è necessità, necessità di accompagnare le persone a ricordare e riflettere su chi siamo e dove andiamo, su come ci comportiamo nei confronti del prossimo e della nostra madre terra. La persona è sia fonte di ispirazione sia obiettivo da raggiungere, da sensibilizzare e a cui lasciare un messaggio chiaro, su cui riflettere.”

Il lavoro di Simona Muzzeddu si può intendere come una continua ricerca espressiva nei suoi lavori analizza l’Uomo e le sue relazioni psico-sociali. Si tratta considerando il tutto con una diversa prospettiva di rendere omaggio alla vita e, nello stesso tempo, di cogliere, senza traumi, gli aspetti che la mortificano o la rendono disumana o quasi inaccettabile. "Il mio modo di elaborare tutte le emozioni nei miei progetti è viscerale. Sembra quasi assurdo, ma a volte penso che più una persona abbia sofferto in passato e più abbia da raccontare con l’arte. È una specie di bioritmo dove dopo la grande caduta si ha una grande risalita e nella risalita creo. I miei lavori sono rivolti al sociale: dall’indagine sul degrado ambientale della serie “Dolls Orphan” a quella sulle malattie fisiche e psicologiche di “Borderline la linea di confine” e “Borderline psychotic activity”, e tutte le tematiche sono in strettissima relazione con la mia vita. Direi che creare per me è necessità. La consapevolezza è nella mia decisione di affrontare delle tematiche “scomode”, in una società sempre più futile. La memoria è necessità, necessità di accompagnare le persone a ricordare e riflettere su chi siamo e dove andiamo, su come ci comportiamo nei confronti del prossimo e della nostra madre terra. La persona è sia fonte di ispirazione sia obiettivo da raggiungere, da sensibilizzare e a cui lasciare un messaggio chiaro, su cui riflettere.”

Non sono da meno gli ultimi lavori della Muzzeddu, "SELFITIS" selfie addict e "SOSPESA" dove mantiene il suo interesse a denunciare un malessere psichico che riflette perfettamente la nostra attuale società, l'artista infatti indaga sulle ultime malattie psichiche Infatti l'American Psychological Association ha riscontrato l'insorgere di una nuova patologia legata all'ossessione per i selfie. Questa patologia prende il nome di "Selfitis" e sta ad indicare un vero e proprio bisogno ossessivo-compulsivo di scattare foto a sé stessi per pubblicarle poi sui social network da qui prende il nome del progetto ("SELFITIS" selfie addict). ll bisogno di condivisione ai tempi di Internet e dei social, hanno portato l’uomo ad avere una dipendenza da rete e un cervello impegnato sul monitor creando così una sorta di solitudine contemporanea. Ma nell'attimo esatto in cui spegniamo tutto, scende silenzio, occhi e cervello smettono di avere continui impulsi mediatici e quel continuo flusso di dati, dando “Sospensione”. “Sospesa”, infatti, è il titolo di questa opera dove la ragazza immortalata scruta silenziosamente chi la osserva. Questo lavoro da modo a chi osserva l'opera di potersi confrontare con questa dipendenza tecnologica e di poter ragionare sull'influenza che ha su di noi. Mentre “IN MY HEART” è una serie di cuori realizzati in vari colori in resina con all’interno degli insetti o fiori della natura che ci circonda, sono illuminati da una luce a led che sottolineano l’importanza del cuore stesso. Tutto viene poi rapportato ad un’era così tecnologica, dove le persone sembrano aver paura di provare emozioni, essendo abituati a rapportarsi tramite un monitor, i sentimenti sono labili. Le emozioni spesso vengono trattenute o nascoste nella parte più inconscia e intima, questo nuovo modo di approcciare attraverso le nuove tecnologie tendono a bloccare ciò che è e dovrebbe essere di natura l'approccio di conoscenza diretto ecco perché l’uso della resina materiale duro e trasparente. L'amore di qualche decennio fa, attualmente si sta perdendo? Perché la nuova generazione che è nata e cresciuta nella tecnologia, non sa come conoscere una persona realmente, fare amicizia o addirittura dichiarare i propri sentimenti alla persona amata? L’era di internet ha plagiato a tal punto anche noi che ai nostri tempi non esisteva il cellulare? Sicuramente “IN MY HEART” porta l’attenzione su queste tematiche e su come l’amore dovrebbe essere una delle cose più naturali ma, viene spesso resa difficoltosa e a volte spaventosa.

MOSTRE PERSONALI E COLLETTIVE

2019

- Dal 22 al 26 Ottobre residenza d'artista al MUSEO MACRO ASILO Roma.

- 12|21 Luglio "PENSIERI, PAROLE, OPERE E OMISSIONI. Il peccato originale al tempo del web"

- a cura di Simonetta Pavanello,Officine Forte Marghera PAD. C32 Mestre, VENEZIA

- Galleria d’Arte Contemporanea Contemporary Cluster Roma, mostra "FURIA" il 15 Febbraio 2019.

- Mostra espositiva “FACES – I Volti dell’Uomo” che si terrà a Busto Garolfo negli spazi di Villa Brentano via Magenta, 25 dal 24 novembre al 16 dicembre 2018.

- Dal 10 Novembre a Napoli per SubTerranea con il video di “Bordeline psychotic activity” al Museo del Sottosuolo piazza Cavour, Comitato Artistico composto da Vanna Veglia, direttrice artistica di Subterranea, Margherita Calò, storica e critico d’arte, Fortunato Danise, docente di tecniche pittoriche a Palazzo Venezia e Presidente del club Unesco di Napoli e Sofia Maglione, pittrice.

2018

- Dal 31 ottobre al 4 Novembre 2018 Artista selezionata per la sezione di NOPHOTO a Paratissima Torino a cura di Laura Tota.

- Dal 2 al 5 Agosto esposizione al Lazzaretto di Cagliari, Paratissima Cagliari “Oltre l’isola”.

- Dal 6 al 10 Giungo esposizione al BASE di Milano. Photo Week, Zona Tortona, Paratissima Milano “Through the black mirror”.

- Dal 22 Aprile 2018 Museo a Cielo Aperto "Un giorno perfetto" Camo (CN), alla Pinacoteca Civica Collettiva Fotografica a cura di Claudio Lorenzoni.

- dal 22 al 25 febbraio FIERA | ARTKARLSRUHE 2018 con la Five Gallery di Lugano.

- dal 2 al 4 febbraio 2018 artista selezionata per Paratissima Bologna "Animali Notturni – the dark side of life", in concomitanza con Artefiera e l’Art Week bolognese.

2017

- 25 novembre, artista selezionata per esporre al nuovo Museo di Villa Bernasconi a Cernobbio “Liberty Tutti”, promosso dal Comune di Cernobbio in partenariato con la Cooperativa Mondo Visione di Cantù, reso possibile grazie ai finanziamenti di Fondazione Cariplo. Il museo è stato allestito anche grazie a Regione Lombardia, ed in particolare al Bando Territori Creativi a cura della Direzione Generale Sviluppo Economico, Assessore Mauro Parolini. Opera esposta “Come una farfalla bianca”

- 13° exposition internationale d’art textile contemporain MINIARTEXTIL « Tisser les rêves » Le Beffroi, Montrouge, Parigi 22 février/19 mars. Opera esposta interattiva “Led Communication 2.0”.

2016

- Selezionata come artista italiana da ARTE&ARTE per la 26° edizione di MINIARTEXTIL, rassegna internazionale di fiber art contemporanea, dedicata al tema TESSERE SOGNI, Ex Chiesa di San Francesco – Spazio Ratti a Como, dal 1° ottobre al 20 novembre, con la curatela del prof. Luciano Caramel. “Led Communication 2.0”.

- Personale "Io vivo in te" dal 30 Luglio al 30 Ottobre 2016 presso Museo MEOC di Aggius(OT).

- ​Personale "Sarai il mio albero" da 4 al 30 Giugno presso la LM Gallery di Latina.

2015

- Selezionata da Arte & Arte, per partecipare alla residenza d’artista come rappresentante dell’Arte Contemporanea Italiana alla 10 ° Biennale di Kaunas "Networked Encounters", in Lituania dal 18 Settembre 2015 al 30 Dicembre 2015

2014

- “Riciclettata Artistica Rimini- Biella” a cura della Fondazione Michelangelo Pistoletto e del Museo di Rivoli.

- 21 settembre: partecipazione insieme a Michelangelo Pistoletto ed altri artisti italiani alla “Lotteria V Coppa DARCO” presso Albano ( Roma).

- Dal 4 al 12 settembre: mostra" Ai confini dell'esistenza: dalla perdita al recupero della forma", presso Villa Corsini Sarsina ad Anzio (Roma). A cura di Manuela Vela.

2013

- dal 9 al 23 febbraio: collettiva " Il respiro conduce all'anima", presso Palazzo Minoletti di Gallarate ( Milano). A cura di Simona Muzzeddu.

2011

- dal 17 Dicembre al 30 Gennaio 2012: mostra “Lo stato nell’Arte nel 150° dell’unità d’Italia” presso Palazzo delle Esposizioni a Torino, nell’ambito della 54° BIENNALE DI VENEZIA.

2010

- dal 19 novembre al 30 dicembre: Nona Edizione della Biennale d’ Incisioni italiane, presso  Palazzo della Frumentaria, Sassari. A cura dell’ Ass. culturale Stanislao Dessy.

- dal 2 al 14 Ottobre :“Wannabee Prize International art contest 2010”, presso Wannabee Gallery, Milano.

- dal 22 Ottobre al 11 dicembre: Collettiva "Passo carrabile", presso Gallery Area53, Vienna.

2009 

- dal 5 luglio al 12 Giugno: collettiva "Le stanze dell'Arte", Caserme De Cristoforis , Como.

- dal 14 Marzo al 11 Aprile: collettiva di fotografi Italiani “Identità celate” presso l’ Atelier777 Contemporary Art, Pescara.

2008

- dal 14 Dicembre sino al 6 Gennaio:  mostra di beneficenza“Art for children”, presso la  Galleria San Lorenzo, Milano.

- dal 21 al 29 giugno: collettiva del gruppo  Quartodecimo presso l’Ex Ateneo di Bergamo.

- dal 31 Gennaio al 31 Marzo:  Ottava edizione della Biennale “Incisioni Italiane”,  presso Palazzo della Frumentaria, Sassari. A Cura dell’Ass. Stanislao Dessy.

2007

- 10 Novembre: Ottavio Premio Saturarte  del XII° Concorso Nazionale d’Arte Contemporanea SaturARTE 2007.

- 16 Giugno: II Biennale d’Arte Contemporanea “GenovARTE” 2007, presso Palazzo Stella, Genova. Curatori Mario Napoli e Mario Pepe.

2006

- 2 Dicembre:  Premio della Critica  all’ 11° Concorso Nazionale d’Arte Contemporanea Saturarte a Genova.

- 23 Aprile -  mostra collettiva con artisti di fama internazionale presso Villa Ponti Andrea , Varese.

2002

- Personale di Fotografia- presso la Pro Loco di Gallarate (Varese).

2001

- Collettiva  “Salon 1°”  presso il Museo della Permanente (Milano).

CATALOGHI

- Catalogo 10 ° Biennale di Kaunas "Networked Encounters" testo Manuela Vela, 2015.

- Catalogo della mostra “Amistade 0”  testo critico di Gino Querini, 2014.

- Catalogo della Biennale “Incisioni Italiane” a cura di Paola Dessy, testi di Caterina Virdis Limentani, Ivo Serafino Fenu.

- Catalogo della mostra “Passo carrabile”, testo critico di Julia Allerstorfer.

- Catalogo della mostra  “Le stanze dell’arte”, testo critico di Luigi Cavandini.

 

 

- Darkitalia http://www.darkitalia.com/gothic-art/simona-muzzeddu/

- The Parallevision https://theparallelvision.com/2016/08/02/io-vivo-in-te-le-foto-di-simona-muzzeddu-in-mostra-ad-aggius/

-Intervista dalla TV locale di Napoli 5antstv http://www.5antstv.com/2016/05/31/sarai-mio-albero-larte-incontra-la-tecnologia/

- Intervista Sardegna Reporter 11 Ottobre 2015. http://www.sardegnareporter.it/intervista-a-simona-muzzeddu-il-mio-percorso-la-mia-storia-la-mia-arte/

-Video intervista per Rete55 “L’arte gallaratese a Kaunas”, di Valentina Bigai http://rete55news.com/2015/09/17/l-arte-gallaratese-a-kaunas/

- Mensile “Il Granchio” di Anzio, cartaceo e online, mese di Settembre 2014, titolo “A Villa Sarsina arriva la mostra AMISTADE0”

- Quindicinale di informazione locale di Anzio e Nettuno “Il litorale”. Rivista online. Mese di Settembre 2014 titolo “dal 7 settembre la mostra di Muzzeddu e Gibin, Amistadelab” http://issuu.com/ilpontino2014/docs/il_litorale_15-14/41?e=0%2F9108545

- Giornale di Anzio Nettuno “Il caffè”, sia cartaceo che online, titolo: “La mostra con le opere di Muzzeddu e Gibin lancia il progetto di laboratorio dedicato alla realizzazione di gioielli AMISTADE0 a Villa Sarsina dal 6 Settembre” http://archivio.ilcaffe.tv/leggi/?n=an296#34

-Rivista bimensile Frattura Scomposta, luglio-agosto 2014, titolo: “Amistade0, Simona Muzzeddu e Francesco Gibin” http://issuu.com/fratturascomposta9/docs/frattura_scomposta_luglio-agosto_20/194

-Intervista su GoArt, in un'intervista di Sara D'Incertopadre,  titolo intervista: “ANZIO – ECCO GLI ARTISTI DI “AMISTADE 0″” http://goart.it/2014/09/08/anzio-gli-artisti-amistade-0/

Portali d’Arte online che hanno pubblicato la mostra Amistade 0 sono: Juliet Art magazine, Arte.it, Premioceleste.it, Artribune, Exibart. OkArte

-Intervista da Flavia Lanza per il Wall Street International a Simona Muzzeddu, titolo: “Colpita negli affetti -

Intervista con Simona Muzzeddu” http://wsimag.com/it/arte/10563-colpita-negli-affetti

-2013, 4 Febbraio Portale della Provincia di Varese mostra “Neshaman il respiro conduce all’anima” http://www.provincia.varese.it/it/43318

-2013 portale d’Arte online Culturame.it, Titolo: “Neshamah il respiro conduce all’anima” a cura di Simona Muzzeddu http://www.culturame.it/neshamah-il-respiro-conduce-allanima-a-cura-di-simona-muzzeddu/

-2013 Frattura Scomposta luglio-agosto Titolo: “Simona Muzzeddu” pagina 169 http://issuu.com/fratturascomposta9/docs/fs_luglio_2013

- 2011 La stanza privata dell’Arte di Roberto Milani http://lastanzaprivatadellarte.blogspot.it/2011/09/freunde-sette-talenti-sotto-la-cura-di.html

-2011 portale d’Arte online Culturame.it , titolo: “COMA PROFONDO” 2011 http://www.culturame.it/coma-profondo-2011/

-Portale d’Arte Arte Varese vari articoli negli anni http://www.artevarese.com/av/view/news-ricerca.php?sys_tab=300c3&q=muzzeddu

-2009 Rivista cartacea di Vienna, titolo: Italian artists in the ST / A / R – Newspapers http://www.star-wien.at/

-1999 - Articolo Nuova Sardegna, sia cartaceo che online, sulla personale ad Arzachena. Titolo: “ARZACHENA Personale di pittura di Simona Muzzeddu” http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/1999/08/08/SGG06.html

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.